Al Campus Bio-Medico una panchina viola contro l’epilessia

Undicesima tappa della campagna di sensibilizzazione promossa dalla LICE Lega Italiana contro l’Epilessia. Inaugurata la panchina Triple Bench del designer americano Christopher Edward Bangle.

30/04/2024

Roma, 30 aprile 2024 – La Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico e la LICE – Lega Italiana contro l’Epilessia hanno inaugurato questa mattina una nuova panchina viola, simbolo della lotta contro l’epilessia, che oggi colpisce 50 milioni di persone nel mondo. Si stima che nei Paesi industrializzati interessi circa 1 persona su 100: in Italia ne soffrono circa 600.000 persone, 6 milioni in Europa. Quella presso il Campus Bio-Medico è l’undicesima tappa della campagna “Metti in panchina l’epilessia”, promossa da LICE con lo scopo di promuovere una maggiore comprensione sociale e mettere in risalto le sfide delle persone affette da tale patologia.

La Triple Bench, questo il nome dell’installazione, è stata ideata dal designer statunitense Christopher Edward Bangle ed è stata svelata da Giovanni Assenza, neurologo della Fondazione e coordinatore della LICE per la macroarea Lazio e Abruzzo. Erano presenti Paolo Sormani, AD e Direttore generale della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, il professor Vincenzo Di Lazzaro, Direttore dell’Unità di Neurologia, Laura Tassi, Presidente LICE e Oriano Mecarelli, Past President LICE.

Anfitrione dell’evento è stato il neurologo Giovanni Assenza: “Siamo qui presso la Fondazione Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove, con onore, accettiamo il dono della Lega Italiana contro l’Epilessia. Questa bellissima Triple Bench, realizzata da un famoso designer, è un simbolo della lotta allo stigma per l’epilessia. Sappiamo tutti che questa malattia ha una grandissima incidenza nel mondo e in Italia ne soffrono circa 600mila persone, tanto che è stata dichiarata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità una malattia sociale.

L'inaugurazione della panchina viola è un nuovo, significativo passo nella lotta contro l’epilessia e testimonia l'impegno della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico nel sostenere chiunque viva in questa difficile condizione, ma anche nell’aiutare amici e familiari degli ammalati. Lo ha ribadito anche l'AD e Direttore generale Paolo Sormani: “Per me è un grande piacere essere qui e vorrei ringraziare, prima di tutto, Laura Tassi, presidente della Lega Italiana contro l’Epilessia. La LICE e la Fondazione sono molto attive sul territorio nazionale per cercare di diffondere consapevolezza e cultura nella gestione di questa patologia, che è una delle principali patologie neurologiche. Siamo molto contenti di poter inaugurare questa Triple Bench, un simbolo importante per il nostro Policlinico che abbiamo deciso di installare proprio nella zona di attesa del nostro Pronto Soccorso per i tanti pazienti che accorrono qui anche a causa di patologie neurologiche”.

Il Campus Bio-Medico è un punto di riferimento consolidato a livello regionale e nazionale per quanto riguarda la lotta e ricerca medica e scientifica contro l’epilessia. È riconosciuto come centro clinico di terzo livello per adulti (il più alto) e risponde perfettamente agli strettissimi criteri della LICE. Al suo interno sono tre gli specialisti che si occupano di attività ambulatoriali e ricoveri in day hospital per offrire il meglio della diagnostica e delle terapie più avanzate, anche grazie a strumentazioni di diagnostica all’avanguardia, come i video-elettroencefalogrammi, l'electrical source imaging fino alla risonanza magnetica 3 Tesla.

“Voglio ringraziare soprattutto la LICE per essere qui e per averci incluso nella rete dei centri che si occupano di epilessia. È molto importante accendere i riflettori sull’epilessia, perché si tratta di una patologia trattabile ma anche complessa e richiede dei centri specializzati nella sua cura. Queste le parole di Vincenzo Di Lazzaro, Direttore dell’Unità di Neurologia. “La presenza della panchina nella zona del Pronto Soccorso è un simbolo importante perché l’epilessia è un’emergenza medica che in alcuni casi necessita di una pronta diagnosi e di un trattamento tempestivo. Non tutti i Pronto Soccorso hanno la possibilità di trattare questa patologia. Il nostro impegno è volto a ripristinare nei pazienti affetti da epilessia una normale qualità della vita”.

La Fondazione è, inoltre, tra i principali contributori italiani alla ricerca neurofisiologica in ambito epilettologico con lo studio di biomarkers elettroencefalografici di risposta terapeutica, che possano permettere una migliore previsione prognostica e individualizzazione delle cure.

“La prima parola che mi viene in mente è grazie – ha detto Laura Tassi, Presidente LICE e neurologa presso la Chirurgia dell'Epilessia e del Parkinson del Niguarda, Milano – perché mai un luogo poteva essere meglio scelto. Un luogo di diagnosi e di cura, ma anche di dolore in cui le persone arrivano perché hanno bisogno di essere curate. Mettiamo in panchina l’epilessia e impediamo che dia fastidio alla nostra vita e mettiamoci tutti seduti su una panchina per parlare di questa patologia”.

La campagna della LICE “Metti in panchina l’epilessia” proseguirà con altre tappe su tutto il territorio nazionale, allo stesso modo in cui, quotidianamente, proseguirà l’impegno della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico per la salute pubblica e la consapevolezza su malattie rare come l’epilessia. “Vogliamo continuare su questo cammino insieme alle LICE – ha ribadito Paolo Sormani – per diffondere anche formazione e consapevolezza, studi scientifici e clinici per migliorare sempre più il trattamento dell’epilessia e poter conferire ai pazienti una qualità di vita migliore”.