Dai luoghi ai modelli di cura

Convegno sulle cure palliative

1° aprile 2022 ore 9,00 – 16,30 Aula Magna Trapezio – via Álvaro del Portillo, 21

23/03/2022

Riflettere sull’importanza delle cure palliative e sulla loro attualità. È lo scopo del convegno Dai luoghi ai modelli di cura che si terrà venerdì 1° aprile 2022 all’Università Campus Bio-Medico di Roma. Nate in risposta ai bisogno dei malati oncologici nella fase terminale della malattia, le cure palliative sono oggi appannaggio di diverse patologie, senza limiti prognostici e senza rinnegare la medicina scientifico-tecnologica. Oltre alle diverse finalità delle cure palliative esistono anche diversi luoghi nei quali vengono svolte: è questo il tema principale del convegno che sottolinea l’importanza di una vita degna di essere vissuta fino alla fine sia tra le pareti domestiche che all’interno di un hospice, sia come cure primarie che come cure specializzate. Ospiti della giornata saranno Alessio D’Amato, assessore Sanità e Integrazione Socio-Sanitaria Regione Lazio e Paola Binetti, relatrice della legge 38/2010 che regola l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

È di recente attivazione – spegnerà due candeline il 16 aprile –“Insieme nella Cura”, il Centro di Cure Palliative della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico. Eroga il proprio servizio in tutta la regione Lazio integrando le attività di cura con la didattica e la ricerca e dando importanza all’aspetto più umano dell’assistenza, unendo il valore etico a quello pratico e clinico. Le Cure Palliative provvedono al sollievo dal dolore e dagli altri sintomi in tutte le fasi della malattia, integrando gli aspetti psicologici, sociali e spirituali dell’assistenza, considerando la morte come un processo del tutto naturale e utilizzando un approccio multiprofessionale e interdisciplinare per rispondere alle complesse necessità dei pazienti e delle loro famiglie.

Medici, infermieri, palliativisti, psicologi, operatori socio-sanitari, fisioterapisti, assistenti sociali e spirituali e volontari si dedicano alla fascia più debole della popolazione con attenzione e passione, per dare un valore ancora più grande alla loro vita e per garantire un piano di assistenza costruito attorno alla singola persona, sia nelle cure domiciliari che dentro l’hospice.

>> Scarica la locandina e iscriviti all'evento