Premio Qualità 2020

11 progetti e oltre 90 operatori sanitari coinvolti

18/12/2020

Non si ferma la ricerca di miglioramento da parte degli operatori sanitari del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico. Il desiderio di offrire un’assistenza sempre più attenta e accurata, nella sfida della pandemia, con alti livelli di sicurezza per pazienti e operatori, ha visto 18 gruppi mettere in atto concrete azioni di miglioramento, che hanno portato a 11 proposte iscritte alla fase finale del Premio Qualità 2020.

La giuria ha valutato le azioni intraprese dai vari gruppi considerando tra i parametri l’efficacia, la sostenibilità economica, la facile realizzazione e la riproducibilità anche in contesti differenti e a volte critici.

Tre i progetti vincitori, provenienti rispettivamente dal Campus Covid Center, dal Day Surgery e dal Centro Trasfusionale. Due menzioni speciali per la categoria “Piccole soluzioni per grandi problemi”, riconoscimenti alle segnalazioni di incident reporting e premio all'iniziativa promossa dal personale della centrale di sterilizzazione, come progetto più apprezzato dalla giuria popolare, novità di quest'anno.

“Mi sembra significativo che sia stato premiato un progetto di miglioramento nato in momenti così difficili come quelli vissuti nel nostro Covid Center, questo dimostra che anche nelle situazioni più impegnative si può avere spazio mentale per trovare soluzioni ai problemi quotidiani, con creatività e pensando al bene comune in termini molto concreti” spiega Rossana Alloni, Direttore clinico.

“Uno dei progetti che ho più apprezzato viene dall’Urologia – dice Paolo Sormani, Direttore generale del Policlinico – ed è una soluzione ingegnosa per semplificare le attività cliniche ed essere più efficaci nelle consulenze nei reparti di degenza”.

Gli 11 progetti arrivati in finale hanno visto coinvolte 90 persone tra operatori sanitari, ingegneri, amministrativi e tecnici che lavorano nei vari reparti e servizi clinici. Una dimostrazione che il lavoro di squadra e la condivisione degli ideali portano a vivere meglio, con spirito di collaborazione e con desiderio di miglioramento, anche i momenti difficili come quello che stiamo attraversando.

Contestualmente alla consegna del Premio Qualità è stato consegnato anche il Premio Annabella Cappelli per l'adesione all'igiene delle mani quale misura per la prevenzione delle infezioni ospedaliere. Intitolato alla studentessa d’infermieristica scomparsa nel settembre 2017, finanziato dalla Direzione Assistenziale delle Professioni Sanitarie (DAPS) e promosso dal Gruppo Operativo CCICA, ha visto trionfare il reparto “2° Ovest & Day e Week Surgery” e il Servizio “Sale Angiografiche”.

I PREMI

  • 1° Premio – Procedura robotizzata per il trasporto di emoderivati e farmaci e per la sanificazione degli ambienti presso il Campus Covid Center
  • 2° Premio – Busta antimanomissione proteggi beni
  • 3° Premio – Innovazione tecnologia, Hb pre-donazione: validazione di un metodo di misurazione non invasiva presso il Servizio Trasfusionale.

Menzione speciale “Piccole soluzioni per grandi problemi”

  • Il giallo che ti salva la vita
  • I cateterismi vescicali difficili nel Policlinico: il ruolo dell'uro zaino

Premio Giuria popolare

  • Identificazione e corretta comunicazione della strumentazione chirurgica guasta: identificazione tramite etichetta codice colore

Segnalazione del mese

  • Annibali Ombretta, Bruno Alessia, Cantuti Adriana, Cataldo Rita, Ciuffreda Mauro, Crecco Martina, Crucitti Pierfilippo. Di Santo Alessandro, Faruoli Roberta, Laurenti Daniele, Lucarelli Francesco

Premio Annabella Cappelli per adesione igiene mani

  • Reparto “2° Ovest & Day e Week Surgery”
  • Servizio “Sale Angiografiche”

Questo sito utilizza i cookie per offrirti il miglior servizio possibile. Utilizzando il nostro sito, acconsenti all'uso dei cookies. Per approfondire