Prosegue la collaborazione tra salute e diplomazia

Le visite degli ambasciatori e del Presidente Centro Alti studi Difesa

02/07/2020

In un momento in cui le organizzazioni internazionali, le Nazioni Unite e in particolare l'OMS sperimentano l'importanza di avviare un nuovo dialogo tra salute e diplomazia per migliorare gli indici relativi alla salute pubblica e per affrontare le nuove emergenze sanitarie mondiali, il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico è in prima linea con il Programma “Health and Diplomacy”.

Coordinato dal Prof. Massimo Maria Caneva, l’accordo di collaborazione con la Farnesina e il Corpo diplomatico della Santa Sede, getta le basi per uno sviluppo delle attività specialistiche a livello internazionale attraverso una nuova strategia che pone la ricerca e l'assistenza sanitaria alla base di una efficace azione volta a prevenire e a curare le più significative patologie, con il supporto e a favore della Diplomazia, mettendo sempre al centro l'attenzione alla persona.

In questo quadro di attività sono state organizzate visite di autorità diplomatiche e militari nel Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma al fine di favorire la reciproca conoscenza e lo sviluppo di sinergie utili a tali obiettivi, con la presenza dell’Amb. Renato Varriale, Direttore Generale Risorse Umane e Innovaziobe MAECI, dell’Ambasciatrice di Francia presso la Santa Sede Elisabeth Beton Delègue e del Presidente CASD Gen. Fernando Giancotti.