3266 - it

Diritti dei pazienti con malattia neoplastica

Diritti e agevolazioni previste dalla normativa vigente

Definizione di invalidità civile

Possono essere considerati invalidi civili tutte le persone, indipendentemente dall’età, dal sesso e dall’attività lavorativa, in presenza di menomazioni fisiche o psichiche.

L’art. 2, Legge 118/71, definisce “invalidi civili” i cittadini affetti da un’infermità fisica, psichica e/o intellettiva, congenita o acquisita, anche progressiva, che abbiano subito una riduzione permanente della capacità lavorativa non inferiore ad 1/3.

L’invalidità civile non deriva da cause di servizio, di guerra, di lavoro. Infatti, per gli invalidi per cause di guerra, di lavoro, di servizio, nonché i ciechi civili e sordi civili, l’invalidità deriva da una causa specifica, cioè dalla guerra, dalla prestazione di un lavoro (INAIL) o di servizio, mentre per i ciechi civili e sordi civili, considerata la specificità della patologia, la tutela assistenziale è regolata da leggi diverse.

Chi è già stato dichiarato invalido per causa di guerra, di lavoro o di servizio può ottenere anche il riconoscimento di invalidità civile qualora subentri un’infermità o menomazione non attribuibile a dette cause.

Questo sito utilizza i cookie per offrirti il miglior servizio possibile. Utilizzando il nostro sito, acconsenti all'uso dei cookies. Per approfondire