Chirurgia del piede

Trattamento delle patologie dell'avampiede

  • Alluce valgo
    È una deformazione dell'articolazione tra falange e metatarsale, in conseguenza della quale l'alluce tende ad avvicinarsi alle altre dita, sviluppando una sporgenza ossea laterale nell'avampiede. Si opera attraverso una tecnica mini open che prevede la resezione triplanare del metatarsale (osteotomia distale della testa), eseguita dopo una pianificazione pre-operatoria. La precisione dell'intervento è assicurata dall'osteogoniometro, uno strumento che consente di stabilire con precisione dove procedere con la resezione. La fissazione dei tagli ossei è realizzata con viti in titanio. L'alluce valgo semplice si opera in regime di day-surgery. Per operazioni più complesse si richiede un ricovero breve (48 ore).
  • Alluce rigido
    È una forma di artrosi dell'articolazione dell'alluce, caratterizzata dall'impossibilità di ‘estendere' l'alluce verso l'alto come avviene quando si cammina. In funzione del grado di rigidità, si ricorre a una resezione dell'osso (osteotomia lineare obliqua) per ripristinare lo spazio articolare venuto a mancare. Nei casi più gravi, alla resezione si associa l'impianto di una protesi di rivestimento della base della falange. L'alluce rigido si opera in regime di day-surgery.
  • Deformità delle articolazioni metatarso-falangee (dita sovrapposte all'alluce, griffe delle dita)
    Queste lesioni vengono riparate, operando dal dorso del piede e, quando necessario, associando una resezione dell'osso, per far arretrare la testa del metatarsale.
  • Neuroma di Civinini-Morton
    È un'irritazione del nervo che si trova tra le ossa metatarsali (intermetatarsale), generalmente tra il secondo e il terzo e/o fra il terzo e il quarto dito. Si opera mediante una decompressione del nervo per mezzo dell'incisione del legamento intermetatarsale sotto il quale giace il nervo. La tradizionale asportazione del nervo ingrossato si effettua solo nei casi in cui la patologia si ripresenti nel tempo (recidiva). La decompressione del nervo si esegue, normalmente, in regime di day-surgery.

Trattamento delle patologie del retropiede

Queste operazioni si effettuano, normalmente, in regime di ricovero breve (48 ore).

  • Artrosi delle articolazioni astragalo-cuneiforme o astragalo-scafoidea
    Si opera effettuando un'artrodesi, ovvero correggendo le eventuali deformità mantenendo tale correzione con la fusione ossea dei capi articolari.
  • Disfunzione del tendine tibiale posteriore
    Si opera mediante il ritensionamento del tendine e il riallineamento dell'asse del calcagno.
  • Piede piatto
    È una deformazione della pianta del piede, che provoca la perdita del caratteristico arco plantare, spostando il calcagno verso l'esterno. Può essere congenita o acquisita. Il piede piatto acquisito dell'adulto è una patologia degenerativa dell'articolazione sotto-astragalica, che può derivare da un trauma o altre cause. Si opera mediante l'immobilizzazione dell'articolazione (artrodesi). Il piede piatto flessibile sintomatico dell'adulto con lieve insufficienza del tendine tibiale posteriore si risolve, invece, mediante l'inserimento di una protesi tra astragalo e calcagno (nel seno del tarso).

Questo sito utilizza i cookie per offrirti il miglior servizio possibile. Utilizzando il nostro sito, acconsenti all'uso dei cookies. Per approfondire