Al via il Pronto Soccorso del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico

04/09/2020

Un nuovo Pronto Soccorso per Roma. Ha aperto il 1° settembre il DEA di primo livello (Dipartimento Emergenza Accettazione) del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico,

Sviluppato su 2100 metri quadrati, accogliente, sicuro e dotato delle più recenti tecnologie,  vuole essere un Pronto Soccorso che accoglie, ascolta, comunica, si fa carico, assiste e cura.

Inserito nel territorio della Asl Roma 2 , in via Álvaro del Portillo 192, zona Trigoria, il Pronto Soccorso del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico accresce l’offerta di sanità pubblica del quadrante sud ovest della Capitale, in risposta ai bisogni di salute delle persone ed amplia la rete dell’Emergenza-urgenza di Roma.

È inserito nelle reti tempo-dipendenti della Regione Lazio per assicurare cure tempestive per tutte le patologie e in particolare per quelle cerebro-vascolari acute (ictus), vascolari acute (aneurismi), cardiopatie acute (infarti), oltre che per tutti i casi di traumatologia e di patologie chirurgiche acute.

Con l’attivazione del nuovo DEA, il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico vede anche l’apertura di un nuovo reparto di medicina d’urgenza, dispone di una sala operatoria dedicata, posta nelle immediate vicinanze dell’alta intensità così come la Radiologia interventistica e l’Emodinamica.
Il nuovo Dea del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico può contare inoltre su un servizio di Diagnostica per immagini dedicato, dotato di una TAC 300 strati ad altissime prestazioni.

Percorsi dedicati e sicuri

Tra gli elementi caratterizzanti del DEA l’organizzazione del flusso dei pazienti per livelli di gravità (suddivisa in medio-bassa e alta intensità); la grande attenzione dedicata alla privacy, al comfort e al benessere dei pazienti con la predisposizione di aree OBI (Osservazione Breve Intensiva) da 7 letti per chi necessita di un periodo di osservazione maggiore e di una Holding Area da 14 letti, separati tra uomini e donne, per chi attende il posto letto per il ricovero o il trasferimento in altre strutture, in caso di mancanza di posto letto disponibile.

Per gestire in sicurezza gli accessi al Pronto Soccorso e per ridurre al massimo i rischi legati alla pandemia Covid-19, è stato previsto il percorso protetto, il percorso febbre, che prevede di separare completamente i flussi ed inviare i pazienti sospetti verso un itinerario dedicato, isolato e confortevole.

All'interno del Dea, il triage è dotato di sale di prima visita, accoglienza con area ristoro, monitor e display informativi.
Nel parcheggio del Pronto Soccorso sono presenti stalli riservati a persone con disabilità e un parcheggio rosa.

Inoltre l’eliporto è posto a pochi metri dall'ingresso del Dea e permette l’utilizzo delle eliambulanze.

 

 

Questo sito utilizza i cookie per offrirti il miglior servizio possibile. Utilizzando il nostro sito, acconsenti all'uso dei cookies. Per approfondire