13012 - it

Colon-retto: ambulatorio ‘Open’ ogni martedì

28/05/2019

Visita con impegnativa e senza prenotazione

Proporre un accesso facile ad un percorso diagnostico e terapeutico dedicato ai pazienti con un fondato sospetto di tumore al colon-retto è la finalità dell’ambulatorio ‘Open’ per le neoplasie del colon-retto, attivo presso l’Unità Operativa di Chirurgia del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico.

Per accedere è necessario presentarsi il martedì (fatta eccezione per i giorni festivi) alle ore 17.00, con un’impegnativa del medico di medicina generale riportante la dicitura: “visita urgente per sospetta neoplasia del colon-retto” con priorità U o B o con un referto recente positivo per la ricerca del sangue occulto nelle feci.

Sarà così possibile effettuare – senza prenotazione – una visita specialistica, nel corso della quale sarà valutata la necessità di ulteriori approfondimenti diagnostici (colonscopia, TC, eventuali altri esami) e, se necessario, il paziente verrà indirizzato al trattamento chirurgico eseguito con tecnica mini-invasiva, nell’ambito del protocollo internazionale ERAS (Enhanced Recovery After Surgery), in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale. L’ambulatorio ‘Open’ propone rapidità del percorso. Le eventuali indagini aggiuntive vengono prenotate direttamente dallo specialista e vengono erogate in tempi brevi tramite il Servizio Sanitario Nazionale.

A chi si rivolge

L’Ambulatorio “Open” per le neoplasie del colon-retto è stato realizzato per offrire un percorso di accesso rapido alle cure a tutti coloro che presentano elevata probabilità di neoplasia del colon-retto e per essere al servizio dei medici di Medicina generale.

È destinato a tutti i pazienti ai quali è stata riscontrata la presenza di sangue occulto positivo, o per i quali esiste un fondato sospetto clinico di neoplasia del colon-retto: un reperto anomalo durante l’esplorazione rettale, sintomi quali recenti cambi di abitudini intestinali, stipsi accompagnata da vomito, sanguinamenti rettali non di origine emorroidaria, dolori addominali insoliti, soprattutto se accompagnati a perdita di peso non intenzionale e ad un’età superiore ai 50 anni.

La prevenzione del tumore del colon-retto

Il tumore del colon è il secondo tumore in ordine di frequenza, in entrambi i sessi. Nel 90% dei casi, si manifesta a partire dai 50 anni, soprattutto nei casi di familiarità per patologia e di una conduzione dello stile di vita poco corretto.
In almeno l’80% dei casi si sviluppa lentamente, nel corso di 5 – 10 anni o anche più, a partire da un precursore innocuo: l’adenoma. Per prevenire il tumore basta intervenire in una fase precoce, prima che l’adenoma diventi carcinoma: nella maggioranza dei casi è sufficiente una semplice asportazione endoscopica.

Anche scoprire un carcinoma quando non ha ancora dato segno di sé causando sintomi al paziente è vantaggioso: permette di curarlo con un intervento chirurgico che ha elevate probabilità di essere risolutivo.

Diagnosticare l’adenoma in fase precoce

L’esame più importante, semplice, non invasivo e poco costoso è rappresentato dalla ricerca del sangue occulto nelle feci. Consente di riconoscere almeno l’80% degli adenomi di maggiori dimensioni, prima che diventino neoplasia invasiva. Rappresenta un esame di primo livello: i casi in cui questo è positivo devono essere sottoposti in breve tempo ad una colonscopia che permette di identificare (nel 50% dei casi in cui il sangue occulto è positivo) una lesione che potrebbe essere asportabile durante la stessa colonscopia, evitando che progredisca fino a diventare un carcinoma.

La ricerca del sangue occulto fecale consente di ridurre la percentuale di mortalità per tumore del colon.
In caso di reperto negativo si ha garanzia di essere in buona salute. Programmare la ripetizione dell’esame ogni anno garantisce di non perdere, col tempo, i benefici dell’indagine effettuata.
In caso di reperto positivo, se cioè nelle feci è stata identificata la presenza del “sangue occulto” è necessario effettuare la colonscopia (che permetterà di accertare l’eventuale presenza di un problema intestinale) ed eventuali successivi accertamenti, in un ambiente qualificato in grado di garantire esami di qualità elevata, e le cure secondo gli standard di massima sicurezza ed efficacia.

Informazioni

L’Open per le neoplasie del colon-retto è disponibile ogni martedì – dalle ore 17.00 e senza prenotazione – per chi si presenta all’accettazione (piano -1) con impegnativa del medico di medicina generale per “visita urgente per sospetta neoplasia del colon-retto” con priorità U o B, o con un referto recente positivo per la ricerca del sangue occulto nelle feci.

Per informazioni o chiarimenti è possibile inviare un’e-mail.

Questo sito utilizza i cookie per offrirti il miglior servizio possibile. Utilizzando il nostro sito, acconsenti all'uso dei cookies. Per approfondire