Nutri-bioma, il progetto per le donne in dolce attesa

Un percorso di educazione nutrizionale per le gestanti tra 18 e 45 anni di età

29/05/2023

Il 29 maggio si celebra la Giornata Mondiale della salute dell’apparato digerente, l’appuntamento annuale promosso dall'Organizzazione mondiale della Gastroenterologia (WGO) per diffondere la consapevolezza della salute digestiva. Tema di quest’anno è “Un intestino sano fin dall’inizio”.

Stabilire pratiche nutrizionali sane sin dall’infanzia e dall’adolescenza è essenziale per garantire un sistema digestivo sano per tutta la vita. Diversi studi hanno rilevato che i cambiamenti apportati durante questi primi anni possono avere un effetto significativamente positivo più avanti nella vita, compresa la prevenzione di malattie non trasmissibili, come l’obesità, il diabete, le malattie infiammatorie e alcuni tipi di cancro.

“La nostra salute intestinale e lo sviluppo di malattie digestive sono strettamente legate al microbioma umano – spiega il prof. Michele Guarino, Responsabile Unità di Disturbi funzionali Intestinali e Microbiota della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico – Sebbene la variabilità genetica contribuisca in modo significativo alla composizione del microbioma umano, i fattori ambientali, come la dieta, i farmaci e lo stress, influenzano in modo determinante il microbioma, aumentando il rischio di un individuo di sviluppare determinate malattie digestive. Uno di questi fattori, la dieta, entra in gioco sin dall'inizio della vita, in particolare nei primi mille giorni”.

In linea con il tema scelto quest’anno per la Giornata mondiale della salute digestiva, l’Unità di Disturbi Funzionali Intestinali, in collaborazione con le Unità di Ginecologia, Pediatria e Nutrizione Clinica della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, promuovono il progetto “Nutri-bioma: impatto della nutrizione e alimentazione nella modulazione del microbiota intestinale nei primi sei mesi di vita”. Un'iniziativa pensata per offrire alle donne in gravidanza e ai loro bambini – nei primi sei mesi di vita – l’opportunità di essere accompagnati in un percorso di educazione nutrizionale mirato per una sana ed equilibrata alimentazione in gravidanza e allattamento.

Obiettivo dello studio è sensibilizzare sulla rilevanza della dieta mediterranea e corretti stili di vita per lo sviluppo di un microbiota intestinale “sano”, ovvero di quell'insieme di microrganismi (batteri, virus, funghi, protozoi) che vivono all’interno del nostro intestino e che svolgono un ruolo cruciale per il nostro stato di salute. Le gestanti a partire già dal primo trimestre di gravidanza, con età compresa tra i 18-45 anni e in assenza di complicanze gestazionali o gravidanza gemellare, interessate a partecipare allo studio potranno svolgere un colloquio conoscitivo e richiedere ulteriori informazioni scrivendo a giulia.rocchi@unicampus.it.